giovedì 21 marzo 2013

Giornata Mondiale della Poesia

Oggi è la Giornata Mondiale della Poesia istituita dalla Conferenza Generale UNESCO. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace". 

Today is The World Poetry Day. It was established by the UNESCO General Conference. The date, which also marks the first day of spring, recognizes to the poetry a  privileged role in promotion of intercultural dialogue and understanding of the linguistic and cultural diversity, communication and peace. "

Questa è la poesia che ho scelto come omaggio alla Giornata e il meraviglioso arrivo della Primavera!:)

This is the poem that I have chosen as a tribute the World Day and the wonderful arrival of Spring :)

- Fata Narciso - The Daffodil Fairy -
Mary Cicely Barker

Narcisi - William Wordsworth (1804)

Vagavo solo, come una nuvola
che galleggia in alto sopra le valli e le colline,
quando tutto d'un tratto vidi una folla,
una moltitudine di dorati narcisi;
accanto al lago, sotto gli alberi,
fluttuanti e danzanti nella brezza.

Continui come le stelle che splendono
e scintillano nella Via Lattea,
si stendevano in una linea infinita
lungo il margine della baia:
diecimila ne vidi subito,
scuotere le loro teste in vivace danza.

Le onde ballavano al loro fianco; ma loro
superavano le scintillanti onde in allegria:
un poeta non poteva che essere felice,
in una così gioconda compagnia.
Li fissavo e fissavo ma pensavo poco
alla ricchezza che quello spettacolo mi aveva portato,

Poichè spesso, quando nel mio giaciglio, sdraiato,
in vagabonda o pensierosa maniera,
essi balenano a quell'occhio introspettivo,
che è la beatitudine della solitudine;
allora, il mio cuore si colma di piacere
e danza con i narcisi. 

- Narcise - Les fleurs animées -Jean-Jacques Grandville - 1867

Daffodils - William Wordsworth (1804)

I wandered lonely as a cloud
That floats on high o'er vales and hills,
When all at once I saw a crowd,
A host, of golden daffodils;
Beside the lake, beneath the trees,
Fluttering and dancing in the breeze.

Continuous as the stars that shine
And twinkle on the Milky Way,
They stretched in never-ending line
Along the margin of a bay:
Ten thousand saw I at a glance,
Tossing their heads in sprightly dance.

The waves beside them danced; but they
Out-did the sparkling waves in glee:
A poet could not but be gay,
In such a jocund company:
I gazed—and gazed—but little thought
What wealth the show to me had brought:

For oft, when on my couch I lie
In vacant or in pensive mood,
They flash upon that inward eye
Which is the bliss of solitude;
And then my heart with pleasure fills,
And dances with the daffodils.

2 commenti:

  1. I love
    Cicely Barker and her fairies. she never intended them to have ethereal powers - they were just children she knew who she loved and drew with wings on them!

    RispondiElimina
  2. I also love them!.
    Her fairies 'come out' of her drawings and enter in our fantasy as if they were real.
    I believe that the two 'real' Fairies Queens are Cicely Barker and Margaret Tarrant! :)

    RispondiElimina

Thank you for visiting my blog and for your comments! :)
Grazie per aver visitato il mio blog e per i vostri commenti! :)