sabato 27 gennaio 2018

Penelope Keith's Hidden Villages

"Cream teas; bunting; the local shop; 
quaint church spires and games on the green... "


Oggi vi scrivo di una serie Tv davvero molto bella. Assolutamente da vedere per tutti coloro che amano l'Inghilterra e che cercano di scoprirne gli aspetti più remoti e caratteristici lontani dalle grandi mete turistiche. 
Magistralmente condotta da Penelope Keith, nota attrice britannica per le performance teatrali e televisive (Tha manor Home The Good Life,...), Penelope Keith's Hidden Village è un vero e proprio viaggio in UK seguendo percorsi e storie riportate nelle guide turistiche 'Batsford' pubblicate dal 1932 in poi. 
E' un grande tour da sud a nord, da est a ovest alla scoperta di incantevoli piccoli villaggi (Penelope stessa ha vissuto per oltre 40 anni a Milfrod un villaggio nel Surrey) le cui tradizioni hanno avuto e ancora oggi hanno impatto sulla società civile.
Se il punto di partenza sono i villaggi e le loro più intrinseche caratteristiche ecco le domande che ci si pone: perché rendono così orgogliosi gli inglesi? Quanto il sentirsi villager determina il loro di senso di appartenenza alla comunità ? Come hanno fatto questi piccoli paesi, spesso non più di poche case lungo qualche via di collegamento a resistere all'inevitabile cambiamento dei tempi? Come si preparano ad affrontare il futuro? A queste e ad altre domande Penelope cerca di trovare risposte prendendo spunti e citazioni dalle guide Bratsford e mettendo a confronto le foto e disegni dell'epoca con la realtà odierna. Come ella stessa dice è una vera e propria esplorazione 'quintessentia' britannica!



Brava a condurre e a presentare anche con ironia e spirito di avventura! La vediamo a bordo di piccole imbarcazioni su piccoli corsi d'acqua o in land rover sulle highland scozzesi e persino in qualche piccolo aliante in volo su panorami mozzafiato!. 
Le guide Bratsford, 'fedeli' compagni della conduttrice, sono una vera 'finestra' sul passato per ricercare cosa rappresenti oggi abitare e vivere una piccola comunità e cosa oggi la rende così speciale e degna di essere abitata.  Nelle guide chiese, villaggi, cottage, strade, panorami sono illustrati da Sir Brian Cook Batsford con una tecnica di disegno fatta di colori vividi che restano impressi nella mente. 
In queste puntate c'è tutto l'orgoglio britannico (e mi sento di aggiungere forse anche qualche spiegazione di Brexit!!) 


Per chi è interessato a vedere le 12 puntate fino ad ora trasmesse sui canali inglesi ho due notizie fondamentali: la prima (bella) è che tutte le puntate si possono vedere gratis on line sul canale dailymotion o in alternativa acquistare i dvd; la seconda notizia (meno bella) e che almeno per quanto mi risulta non esiste un doppiaggio in italiano e si possono ascoltare solo in lingua originale! 

Ecco la lista di quelle trasmesse:

Prima stagione (anno 2014)
1) East Anglia
2) North Wales, Cheshire and Staffordshire   
3) Wessex
  
Seconda stagione (anno 2015)
4) Devon and Cornwall   
5) Cumbria   
6) Royal Deeside  
7) Sussex and Kent

Terza stagione (anno 2016)
8) The Cotswolds  
9) Argyll and Bute  
10) North Yorkshire  
11) Pembrokeshire
12) Favourite Villages



sabato 20 gennaio 2018

Arte e leggenda nella Vigilia di Sant'Agnese

La vigilia di Sant'Agnese- Ah, era un freddo mordente! 
Il gufo pur con tutte le sue piume era infreddolito, 
la lepre zoppicava tremando fra l'erbe gelate, 
e silente era il gregge nel lanoso ovile.

Secondo una leggenda popolare tra il 20 gennaio e il 21 gennaio è la vigilia di Sant'Agnese, la notte in cui le giovani fanciulle non maritate possono vedere in sogno il loro sposo. Occorre però seguire un ben preciso rituale: spogliarsi, andare a letto senza cena, e mettere le mani sotto al cuscino senza mai voltarsi indietro. Santa Agnese è riconosciuta come la santa protettrice delle vergini. 

Tradizione e leggenda in due capolavori dell'arte ispirati a questa singolare vigilia: The Eve of St. Agnes dipinta da John Millais (c.a. 1863) e descritta nella poesia di John Keats pubblicata nel 1820.

The Eve of St. Agnes, Victoria and Albert Museum, London (link)

Il dipinto di Millais mostra la sua eroina in procinto di spogliarsi per recarsi a letto. Modella dell'opera fu la stessa moglie di Millais, Effie Gray in posa davanti al letto in cui dormì re Giacomo I. La scena è ambientata in una camera di Knole Park una grande residenza jacobita situata in Sevenoaks nel Kent.
La poesia di Keats racconta della giovane Maddalena che in attesa di vedere il suo sposo Porfirio, non voluto dalla sua famiglia, pensa in sogno di accoglierlo nel suo letto e  non si accorge che in realtà lui si è davvero intrufolato di nascosto nella sua stanza con l'aiuto di una vecchia. Accortasi della verità, a Maddalena non resta che fuggire con il suo amato. 

Brano tratto da "La Vigilia di Sant’Agnese"
di John Kets

(...)

XXIV

V’era un’alta finestra a triplice arco,
tutta inghirlandata d’intagliate fantasie
di frutta e fiori e mazzetti di cento nodo,
e con rombi di vetro in raro stile, 
con innumerevoli macchie e tinte splendide, 
come sono le oscure damascate ali de la farfalla caia, 
e nel mezzo, fra mille segni araldici,
e santi a tinte lievi, e offuscate insegne,
istoriato uno scudo rosseggiava pel sangue di regine e di re.

XXV

Piena su questa finestra splendeva l’invernale luna,
e gettava calde rosse tinte sul bel seno di Maddalena,
mentre in ginocchio pregava per la grazia e i doni del cielo;
il colore de la rosa cadea su le mani insieme congiunte, 
e su la sua argentea croce soave ametista, 
e su’ suoi capelli una gloria, come di santa:
ella, parea un angelo splendido, appena approntato,
fuor che l’ali, pel cielo: - Porfiro illanguidì:
ella così inginocchiata, era cosa tanto pura, tanto immune da macchia mortale.

XXVI

Presto il cuore del giovane si ravviva: detti i vespri,
da tutte le intrecciate perle le chiome ella scioglie;
sfibbia i suoi riscaldati gioielli uno per uno;
e dislaccia il corpetto fragrante; lentamente 
la ricca veste scivola frusciando a’ suoi ginocchi: 
semicelata come una sirena fra l’alghe del mare,
pensosa rimane e desta sogna, e vede, 
con la fantasia, la bionda Sant’Agnese nel suo letto, 
ma non osa volgersi indietro, altrimenti tutto l’incanto svanirebbe

XXVII

Tosto, tremando nel suo soffice e gelido nido, 
in una specie di desto svenimento, perplessa ella giacque, 
fin che l’oppiato tepore del sonno non oppresse 
con la sua dolcezza le sue membra, e l’anima affaticata, 
fuggita, come un pensiero, fino al giorno seguente, 
beatamente difesa dal dolore e da la gioia insieme,
chiusa come un messale su cui i negri Pagani pregano,
resa cieca insieme a la luce del sole e de la pioggia,
come se una rosa si chiudesse e divenisse un boccio ancora.

XXVIII

Giunta furtiva a questo paradiso, e così estasiato, 
Porfiro affisò le vuote vesti, 
ed ascoltò il respiro se mai avvenisse 
che si destasse in una sonnolente tenerezza, 
e quando la udì, ei benedisse quell’istante
e respirò: poi uscì dal suo nascondiglio 
silenzioso come la paura in un vasto deserto, 
e sul tacito tappeto, silente ei venne, 
e fra le cortine fe’ capolino, ove, mira! – come profondamente ella dorme.

XXIX

Indi accanto al letto, ove la pallida luna
faceva un tenue argento crepuscolo, piano ei pose
una tavola, e quasi vinto dall’ansia, gettò su di essa 
una covertura d’intessuto cremisi, oro e giavazzo: – 
oh avere un sonnifero amuleto di Morfeo!
Il tumultuoso chiarino de la notturna festa,
il timballo e il clarinetto che spande lontano la voce,
spaventano il suo orecchio, benché in morente concento:
la porta del vestibolo si chiude ancora, e tutto il frastuono è finito.

XXX

Ed ella ancora dormì un dolce sonno fra l’azzurre sue palpebre,
fra i bianchi lini, lisci e di lavanda fragranti,
mentr’egli dal suo nascondiglio portò fuori un mucchio 
di mele e cotogne e zucca e susine candite
con gelatine più gustose che il cremoso latte rappreso,
e limpidi sciroppi tinti con cinnamomo, 
manna e datteri, su navi trasportati
da Fez, e tutte le drogate cose squisite che si trovano
da la serica Samarcanda fino al cedrifero Libano. 

giù per l’ampie scale una buia via essi trovarono, - 
in tutta la casa non fu udito suono umano.
Una lampa a una catena pendula guizzava ad ogni porta,
gli arazzi, ricchi di cavalieri, di falchi e di segugi,
fluttuavano ne l’assediante tumultuare del vento,
ed i lunghi tappeti si sollevavano lungo il ventoso suolo.
Essi trascorrono, come fantasmi, ne l’ampio atrio,
come fantasmi, al portico di ferro, essi trascorrono,
ove giacea il custode, in incomoda postura,
con una larga e vuota boccia a lui d’accanto;
il vegliante cane di guardia si levò, e scosse la sua cute,
ma l’occhio sagace uno de la casa lo riconosce:
uno per uno i chiavistelli agevolmente scorrono,-
le catene giacciono silenti su le pietre da i passi consunte,-
la chiave gira, e la porta su i cardini stride.

(traduzione dal sito della Keats Shelley House di Roma)